Lettura dei tarocchi : imparare i segreti dell’arte della cartomanzia

lettura tarocchi : la divinazioneNoi riteniamo che ci siano fondamentalmente due modi per avvicinarsi ai Tarocchi, che poi sono due vie:

- quella immediata, semplice, intuitiva, aperta a tutti
- quella oscura, complessa, occulta, aperta a pochi.

La prima, ed √® quella p√Ļ diffusa e di cui trattano molti, ci mette in rapporto con noi stessi, tira fuori, mette in evidenza tutto ci√≤ che celiamo o vogliamo celare nella nostra mente.
Ci fa parlare con noi stessi (meditare), ci permette di mettere a fuoco i nostri problemi per meglio risolverli (concentrare).
Ogni carta diviene 1o specchio della nostra vita, favorisce la nostra speculazione, diviene l’esteriorizzazione di quello che √® il nostro microcosmo segreto.
La seconda √® sempre la stessa strada, ma percorsa da un uomo nuovo, rigenerato, da colui che ha saputo mutare il suo “piombo” in “oro”.

Non √® possibile percorrerla da soli: √® la strada dell’iniziazione, che si pu√≤ percorrere solo con un vero maestro.
Le due vie non possono essere mescolate, non si può cioè percorrerle nello stesso momento.
E si finisce per generare confusione quando si vuol dire pi√Ļ del necessario.
Poich√© questa seconda via ci mette veramente in stretto contatto con il “divino”, per percorrerla √® necessario spogliarsi di tutte le scorie che incrostano la nostra anima.
Non si parla pi√Ļ della nostra vita, dei nostri ideali, delle nostre speranze. Un cambiamento interiore muta totalmente il senso della nostra esistenza: non si parla pi√Ļ di noi, anche se siamo sempre noi a percorrere la strada.
Ogni carta diviene una tappa verso il compimento della “Grande Opera”.
√ą una via Crucis nella quale l’anima deve prima passare attraverso il Calvario e la morte iniziatica, per poter ascendere al cielo.
Invece, molti , volendo impressionare chi legge, pensano sia utile anteporre il discorso esoterico, credendo in questo modo di rendere pi√Ļ facile la comprensione dell’ Arte della cartomanzia.
Vengono suggeriti così mille significati, mille analogie, mille rapporti e il chi legge finisce per perdersi nella giungla dei simboli e dei rituali.
Ma tutto ciò ha un senso solo quando viene fatto in modo corretto, e soprattutto dalla persona giusta.
E noi, proprio per questo, ne abbiamo destinato l’approfondimento .

Noi, pertanto, partendo da qui, vi accompagneremo soltanto lungo la prima strada, ma non perché voi con la vostra intelligenza non possiate arrivarci. Anzi, è solo in questa via che potete servirvene: solo in questa via infatti potete mettere a frutto la vostra capacità di capire e la vostra cultura.
Ma non avete, con questi soli mezzi, nessuna possibilit√† nell’altra via: se non avete le chiavi, non potrete entrare!
E quando avrete finalmente le chiavi, non ne avrete pi√Ļ bisogno, perch√© sarete gi√† entrati.
Nascondere questa realt√† vuol dire ingannare chi legge, lasciargli credere di poter comprendere l’Arcano con la sua sola intelligenza.
Quasi tutti quelli che parlano dei Tarocchi spesso tentano di illudere che sia possibile, ma in realtà mascherano una cultura superficiale, gettando qua e là solo briciole di sapere.
Ogni disciplina esige studio e applicazione, ogni professione esige competenza, ogni mestiere esige capacità ed esperienza.
Imparate prima l’arte della cartomanzia !
La Verit√† si far√† strada al momento giusto, e quando non ve l’aspetterete. Sar√† il divino stesso che si metter√† in contatto con voi, sar√† il macrocosmo stesso che parler√† alla vostra anima.

¬ęCi√≤ che √® in alto √® come ci√≤ che √® in basso¬Ľ afferma la Tavola di Smerado.
Non è però soltanto una questione esterna, tra due mondi.
Ma scendere nella miniera e portare alla luce i metalli che sono in voi è un altro compito.

Noi riteniamo che le sole norme  importanti nella  pratica divinatoria siano fondamentalmente :

- la preparazione mentale

- il silenzio

Tutto il resto, comprese le norme igieniche, √® solo consigliato. √ą infatti opportuno non operare subito dopo il pranzo o la cena, n√© bere o fumare durante. semplicemente perch√© cibo, alcol, fumo “appesantiscono” lo stomaco e distraggono la mente.
In questa prima fase la mente non deve ampliarsi, dilatarsi, spaziare, come nella veggenza, ma al contrario concentrarsi .
Per vedere dentro di sé bisogna essere lucidi.
E importante anche lavarsi le mani prima e dopo ogni operazione: non solo per eliminare le impurit√†, ma anche le eventuali energie negative. Nulla di pi√Ļ.
Della massima importanza è, invece, come abbiamo già detto, trovare la giusta concentrazione. Ciò può avvenire solo in un posto tranquillo, lontano da stimoli esterni, evitando anche che altri possano influenzare la vostra concentrazione e la lettura.
I pensieri altrui, la loro curiosit√†, la loro possibile ironia, sono generalmente fattori di disagio per l’operatore.
√ą preferibile che il tavolo ricoperto da un panno con colori tenui, per evitare di disperdere lavisualizzazione delle carte (la visualizzazione ¬ęcreativa¬Ľ √® una tecnica di allenamento dell’immaginazione, che mette in grado di riprodurre nella mente oggetti e situazioni della realt√†. Anche se ha una formulazione recente, √® in realt√† una tecnica molto antica).
La stanza deve essere illuminata giustamente, senza che la vista ne abbia a soffrire per la poca o la troppa luce ed è, infine, preferibile operare sempre alla luce del giorno .
Una volta che la mente √® sgombra dai pensieri e dalle preoccupazioni, si pu√≤ iniziare il dialogo con se stessi mediante l’arte della cartomanzia.
E un confronto e una scoperta nello stesso tempo: ci abitua a scrutare dentro di noi, a scoprire il “mondo” che √® dentro di noi, a risvegliare dal suo sonno tutto quello che era stato represso, cancellato, dimenticato.
Naturalmente, pu√≤ esservi un pericolo in tutto questo. √ą, in fondo, il senso della carta rovesciata, quello che ci rivela gli aspetti anche negativi del nostro essere.

Lasciatevi trasportare dalle immagini: esse vi guideranno alla coscienza del vostro essere. Saranno le carte stesse a parlarvi, non con un linguaggio stereotipato, Sempre uguale, ma secondo i mutamenti stessi del vostro essere.
I Tarocchi sono in fondo un metodo non molto dissimile da quello dell’ I-King, cio√® il libro dei mutamenti .
√ą una ricerca sul proprio passato per agire nel presente e creare il proprio futuro.
Se pensate che le carte siano li ferme ad aspettarvi, vi sbagliate: esse camminano con voi, vivono con voi le stesse emozioni.
Sono voi stessi.